Il Consiglio comunale di Marino nella seduta del 7 marzo 2007 ha approvato la delibera riguardante l’attuazione del Prg nella zona denominata “Boscare”, unica area rimasta priva dell’indice fondiario medio rispetto a tutte le altre su cui già era intervenuto la precedente giunta commissariale. L’assessore all’Urbanistica, Mario Moro al riguardo ha diffuso la seguente nota. “Uno dei problemi rilevanti che questa Amministrazione comunale si è trovata a risolvere, avuto in eredità dalle passate gestioni, è quello del comprensorio Buscare. In tale ambito, con l’approvazione del Prg del 1979 era prevista una zona C di espansione da attuarsi attraverso un piano particolareggiato, trattandosi in quel momento di zona ‘vergine’ e quindi nella necessità di reperire standards a servizio della collettività”. “Purtroppo – prosegue Moro – non sono state mai create le condizioni di fattibilità per avviare tale piano particolareggiato. Tutto ciò ha determinato nei cittadini interessati dal problema, l’orientamento verso una edificazione ‘fai da te’ (costruzioni abusive) che hanno compromesso definitivamente i presupposti per un concreto asse organizzativo in termini di servizi utili alla fruizione da parte della cittadinanza. Oggi l’Amministrazione Palozzi si fa carico della soluzione, attivando un ragionamento di urbanistica partecipata in concordia con la comunità, anche attraverso un piano di viabilità e parcheggi da approvare in giunta comunale, e posto come condizione, al fine di migliorare complessivamente la vivibilità del quartiere e nella logica di evitare ogni rischio di edificazione scoordinata e scollegata. Ad ogni buon conto, da parte dei soggetti privati, si dovranno preventivamente sottoscrivere degli atti d’obbligo per la cessione gratuita delle aree che comunque verranno interessate da previsioni di strade e servizi. A compendio di ciò vi è un parere legale di conforto a quanto si intende intraprendere ed il preventivo parere favorevole della commissione urbanistica consiliare. Inoltre bisogna sottolineare che in sede di votazione, oltre all’unanimità della maggioranza si è registrata una fattiva collaborazione da parte di settori della minoranza, in particolare il gruppo della Margherita che ha inteso proporre un emendamento al deliberato presentato dall’Amministrazione sicuramente migliorativo del lavoro già buono portato avanti dagli uffici. La maggioranza ha recepito tale indicazione e si è dato così vita su un importante e controverso punto come la vicenda urbanistica dell’area ‘Boscare’ che darà finalmente certezze ai residenti della zona in questione. Politicamente si è inoltre aperta una nuova stagione per l’urbanistica di Marino che, andando a sottolineare il metodo già esplicitato e ribadito più volte pubblicamente dalla coalizione di centrodestra, deve vedere su argomenti importanti come l’urbanistica la massima chiarezza, trasparenza e, ove possibile, la più larga condivisione del percorso per l’approvazione degli atti. Nulla di più, nulla di meno, appunto”.
Inviato da : Data comunicazione : 9-03-2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.