Comunicato Stampa **** RYANAIR, MACCHE’ MIGLIAIA DI POSTI DI LAVORO, SOLO PRECARIATO E INGIUSTIFICABILI AGEVOLAZIONI. Apprendiamo dalla stampa che Ryanair sta rivendicando con incredibile faccia tosta la fantasiosa creazione di ben 4.000 posti di lavoro a Roma per merito dei suoi voli su Ciampino. La compagnia irlandese propone addirittura al Governo un patto per l’apertura di 5 nuove basi in Italia. Nè a noi nè a nessun altro risulta l’esistenza di questi posti di lavoro generati da Ryanair, ma ci risulta che probabilmente ha contribuito a distruggerne molti, attraverso una contrattualistica del lavoro spietata e che trasforma in precario tutto ció che tocca. Ci risulta che come ha stabilito la Conferenza dei Servizi, la gran parte del traffico di Ciampino é illegittimo e che, se chi ne aveva l’obbligo di legge avesse fatto la VIA prima di aumentare il traffico e portare i voli low cost, questi voli a Ciampino non sarebbero mai potuti venire. Ci risulta, da quanto ha scritto il Corriere della Sera, che Ryanair negli ultimi anni, in ragione delle sue 10 basi operative in Italia, avrebbe dovuto pagare 500 milioni di tasse nel nostro Paese e invece, secondo il Corriere, gli sarebbe stato concesso di pagarle, a loro scelta, in altri paesi esteri per loro più convenienti. Ci risulta, sempre da fonti di stampa, che questa compagnia avrebbe un contenzioso aperto a Bergamo per 12 milioni di euro di contributi non versati per i suoi dipendenti. Ci risulta che gli aerei non volano con 10 euro a passeggero, quindi il resto dei soldi qualcun’altro li deve tirare fuori. Ci risulta che Regioni e altre Amministrazioni locali, com’è avvenuto ad esempio ad Alghero in Sardegna, hanno spesso elargito contributi alle compagnie low cost, facendone così ricadere i costi sui già tartassati contribuenti – anche quelli che non volano – e mettendo in ginocchio le compagnie che invece pagano tutto quello che devono, compresi i loro lavoratori. Ci risulta, in base a quanto ha denunciato Confindustria il 26 settembre, che a Ciampino Ryanair non pagherà alcun aumento di tariffe aeroportuali, mentre a Fiumicino lo pagheranno tutte le Compagnie, alla faccia della concorrenza! Secondo noi cittadini, un Governo quanto meno dignitoso dovrebbe rispondere per le rime a proposte indecenti di questo genere e stroncare questo mercato di contributi e di indebite agevolazioni che, tra l’altro, a Ciampino danneggiano anche la salute dei cittadini, come hanno certificato le ASL e il Servizio epidemiologico regionale. Ci risulta infine che la decenza è un ‘atto dovuto’ da parte di chi ci governa e i piacerebbe vederne almeno un po’. Attenzione: se domani mattina un dirigente Ryanair dovesse rivendicare che il Colosseo a Roma esiste solo per merito suo, tranquillizzatelo! Possiamo dimostrare con assoluta certezza che esisteva già da prima.
Inviato da : Data comunicazione : 6-10-2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.