Il Sindaco della Città di Marino Adriano Palozzi ha già preannunciato che sarà presente sabato 28 aprile prossimo alla manifestazione indetta dal Comitato spontaneo “Amiamo S. Maria delle Mole” in piazza Togliatti per ribadire il No all’installazione di un’antenna telefonica nel centro urbano di S. M. Mole. “Intendo partecipare – ha dichiarato Palozzi – perché mi batto a favore della gente, nonostante le strumentalizzazioni politiche che si stanno facendo su questo argomento. Ribadisco che questa amministrazione sta dalla parte dei cittadini nella battaglia contro la proliferazione di antenne e ripetitori. Abbiamo intenzione di restare al loro fianco ed annunciamo di aver provveduto ad avviare l’iter relativo alla predisposizione del Piano per le antenne a salvaguardia della salute pubblica”. “La nostra amministrazione sta facendo sul serio – ha tenuto a precisare l’Assessore alle innovazioni tecnologiche ed alle telecomunicazioni Mauro Catenacci – Il 17 aprile scorso abbiamo fatto una ordinanza alla Società Ericsson H3G di demolizione di un’antenna posta sull’Hotel dei Consoli. Abbiamo anche chiesto alla medesima Società di soprassedere all’installazione dell’antenna su Galleria Le Mole in Via Silvio Pellico. Aspettiamo ora fiduciosi la pronuncia del Consiglio di Stato, prevista per l’8 maggio prossimo, al quale il Comune di Marino è ricorso contro il provvedimento del Tar Lazio che accoglieva in prima istanza la richiesta di sospensiva della diffida comunale già emessa contro l’H3G. Intanto già da tempo ci siamo attivati, di concerto con l’Assessore all’Urbanistica Mario Moro, incontrando i gestori di telefonia per capire quali sono le loro esigenze e cercare di confrontarle con quelle dell’amministrazione e dei cittadini. Siamo fiduciosi che i gestori capiscano quali sono le esigenze del territorio. Dal canto nostro – ha concluso l’Assessore Catenacci – esamineremo il loro piano di rete sul quale avvieremo un confronto serio. Abbiamo trovato comunque in loro disponibilità a trovare soluzioni”. Marino, 26 aprile 2007
Inviato da : Data comunicazione : 27-04-2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.