Giovedì mattina Palazzo Colonna è stato invaso da circa 150 alunni delle scuole elementari del territorio giunti in Comune per conoscere il Sindaco e gli Assessori e per vedere da vicino il funzionamento della macchina amministrativa. I ragazzi, provenienti dalla scuole elementari M. D’Azeglio, S. Pertini e dall’Istituto Maestre Pie Venerini, erano accompagnati dalle loro Insegnanti e dal Consigliere Comunale Vittorio Rufo che nei giorni precedenti li aveva preparati con degli incontri mirati nelle rispettive classi e sul territorio. Ad accoglierli nell’Aula Consiliare il Sindaco Adriano Palozzi, il Presidente del Consiglio Comunale Umberto Minotti e gli Assessori Marco Ottaviani e Stefano Cecchi che hanno illustrato ai ragazzi, utilizzando un linguaggio molto semplice e diretto, i compiti istituzionali loro affidati: le competenze del Sindaco, della Giunta e quelle del Consiglio Comunale. Poi c’è stato spazio per loro, i piccoli protagonisti. Numerose le segnalazioni e le domande, presentate al Sindaco anche per iscritto. Queste alcune delle cose più richieste: una maggiore presenza dei Vigili Urbani, soprattutto in piazza San Barnaba e agli incroci, compreso quello di Via Romana per evitare incidenti; una pulizia dei marciapiedi dagli escrementi dei cani, dalle cartacce e dalle bottiglie;lo spostamento dei cassonetti davanti a Palazzo Colonna, l’acquisto di giochi nei giardini scolastici e nei parchi, la sistemazione dello stadio comunale, ma anche la costruzione di una piscina, un centro di atletica, un teatro e un cinema e, non ultima, l’istituzione di una “Giornata dello Scolaro”. Molte le curiosità manifestate dai ragazzi e le richieste dirette: “Quali difficoltà hai incontrato per fare il Sindaco?” “Come distribuite i soldi?” “Il Sindaco vota in Consiglio?” “Sindaco, perché non dai una casa ai poveri?” “Sindaco, puoi accelerare i lavori del muro e del giardino così le maestre ci riportano fuori a giocare?” “Ci metti a disposizione uno scuolabus così arriviamo prima a scuola?”. “Sono stupito dalla profondità e della preparazione di questi ragazzi – ha dichiarato il Sindaco al termine dell’incontro – Per poco non ci mettevano alle corde, utilizzando una metafora pugilistica. Terrò conto di tutte le loro richieste e cercherò di rispondere realizzando, per quanto possibile, quanto da loro richiesto. Tutte cose legittime e doverose. Solo che, come ho spiegato loro, non possono essere attuate tutte insieme. Occorre dare delle priorità, fare delle scelte e, soprattutto, fare una programmazione seria per il futuro. Impegno questo che mi prendo in prima persona ma anche a nome dell’intera Giunta comunale”. L’incontro è poi proseguito su un argomento che i ragazzi avevano studiato bene: il nuovo stemma della Città di Marino. In Sala, proprio per vedere bene le differenze, il vecchio ed il nuovo Gonfalone a confronto. Notevole la preparazione e l’interesse dimostrati dai ragazzi. Praticamente l’illustrazione araldica l’hanno fatta loro e pure bene! Al termine gli amministratori comunali hanno fatto dono alle classi di alcune pubblicazioni sullo stemma e sulla storia della nostra città. Marino, 16 novembre 2006
Inviato da : Data comunicazione : 16-11-2006

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.